Piemonte

  • Quickview

    Canevaro Luca Vignaiolo

    , ,
    La storia di Canevaro Luca Vignaiolo comincia nel 2016 come ramo dell’antica azienda agricola familiare. Oggi l’azienda guidata da Luca conta circa 8 ettari vitati completamente coltivati in agricoltura biologica certificata. Forte è il legame tra vino e territorio e per questo si è scelto di puntare su Derthona 100% Timorasso e Monleale 100% Barbera, due vini simbolo delle nostre colline.
  • Quickview

    Château Feuillet

    , , ,
    A due passi da Aosta e nella zona di produzione del Torrette si trova questa piccola Azienda di circa tre ettari. L’Azienda viticola del Château Feuillet nasce nel 1997, ma trae le sue origini da una tradizione vitivinicola già iniziata da nonno Tinet negli anni sessanta, basata sulla produzione di vino per consumo familiare. Il rinnovamento dei vigneti e l’espansione Aziendale, fa si che si passi da 5000 mq. a 60000 mq. di nuovi impianti e di proporsi sul mercato con circa 35.000 bottiglie annue.
  • Quickview

    Edoardo Patrone

    , ,
    Situata nel cuore delle Alpi Lepontine, l’azienda agricola Edoardo Patrone è una cantina condotta da Edoardo e Stella, insieme a un team di giovani ed entusiasti ragazzi che condividono l’amore per la viticoltura e l’enologia. Selezioniamo le migliori uve provenienti dai vigneti dai noi coltivati sulle pendici delle montagne ossolane. L’obiettivo é quello di diventare eco-compatibili ed eco-sostenibili. Nel cuore delle Alpi Lepontine la tradizione vitivinicola è presente da più di 700 anni. Grazie alle Alpi che circondano e proteggono la Val d’Ossola, é un luogo dove la viticoltura puó dare notevoli risultati. Il Prünent, ecotipo autoctono di Nebbiolo, si é adattato per raggiungere il giusto adattamento pedoclimatico.
  • Quickview

    Gaggiano Viticoltori

    , ,
    Compresi tra un’altitudine di 250 e 450 metri sul livello del mare i vigneti di Gaggiano sono inseriti in areali di produzio-ne di diverse eccellenti denominazioni dell’Alto Piemonte e presentano condizioni climatiche e geologiche uniche. Il clima è caratterizzato da precipitazioni prevalentemente in primavera e autunno, inverni freddi, estati calde e umide rinfrescate dalle correnti del vicino arco alpino su cui svetta il Monte Rosa ed un suolo composto da rocce di origine vulcanica ricco di porfidi, quarzi e sabbie a reazione acida con ph compreso tra 4.5 e 5.5. L’edificio che ospita la can-tina è stato completamente ristrutturato con l’ottica di creare un ambiente ottimale per svolgere in autonomia tutte le fasi produttive e di trasformazione dall’uva in vino fino al trasferimento in legno, l’imbottigliamento e la commercializza-zione. L’affinamento dei vini avviene nel locale interrato utilizzando tonneaux di rovere francese di secondo passaggio e botti da 26 hl di rovere austriaco con l’obbiettivo di esaltare al massimo la tracciabilità, il terroir ed il carattere tipico dell’Alto Piemonte. [video width="1280" height="720" mp4="https://lesgrandscrus.it/wp-content/uploads/2021/03/VIDEO-GAGGIANO.mp4"][/video]
  • Quickview

    Massimo Rivetti

    , ,

    VITI VECCHIE

    Vigneti dai 35 ai 75 anni con produzioni ad ettaro limitate per massimizzare la qualità ed esaltare le caratteristiche del terroir e della zona di produzione.

    NO ERBICIDI, GESTIONE ERBE

    Sfalcio manuale per evitare ogni erbicida chimico. semina di oltre 20 varietà diverse di erbe che contribuiscono ad aiutare la pianta evitando stress e fungendo, inoltre, da fertilizzanti naturali.

    NO PESTICIDI, GESTIONE INSETTI

    Utilizzo della “confusione sessuale” (metodo naturale che prevede l’uso di feromoni per evitare la riproduzione dell’insetto senza debellarlo chimicamente) e raccolta manuale delle nottue (vermi che, in primavera, si cibano delle gemme compromettendo la produzione).

    VENDEMMIA

    Vendemmia manuale solo dei frutti migliori nel momento di massima maturità seguita da una selezione accurata per evitare ogni compromesso.

    FERMENTAZIONI NATURALI CON LIEVITI INDIGENI

    Pie de cuve indigeno utilizzando lieviti naturalmente presenti sulla buccia dell’uva in modo da ottenere vini non standard e che rispecchino il territorio e la zona di produzione.

    IMBOTTIGLIAMENTI NEL MASSIMO RISPETTO DEL VINO

    Utilizzo minimo di solforosa e chiarifica solamente quando strettamente necessario. Per i vini rossi, generalmente, si imbottiglia senza filtrazioni per non perdere nessuna delle caratteristiche del frutto.
  • Quickview

    Mauro Molino

    , ,
    Nel 1982, dopo una vita dedicata alla viticoltura, nostro padre Mauro fondò,a La Morra, l’azienda che porta il suo nome. Abbiamo raccolto la sua eredità e dedicato ogni energia a capire e interpretare il territorio dove viviamo con libertà e creatività. L’azienda continua a produrre i suoi vini all’Annunziata di La Morra, nel più totale rispetto delle tradizioni. La superficie totale è di circa 12 ha, di cui buona parte è destinato a Nebbiolo da Barolo e la restante parte viene dedicata alla produzione della Barbera d’Alba, del Dolcetto d’Alba e una piccola produzione di Chardonnay. I vini rispecchiano perfettamente il grande rispetto e la cura nei confronti dei vigneti e del territorio. Si occupano personalmente di ogni fase della produzione, contraddistinti da una ricerca continua della qualità unita alla passione.
  • Quickview

    Osvaldo Viberti

    , ,
    La Borgata Serra dei Turchi si sviluppa su un lungo promontorio che dal Bricco di San Biagio si protende verso Alba. Il versante a levante gode di un clima particolarmente mite che ricrea le condizioni favorevoli tipiche di una piccola serra. All’inizio degli anni ’90, Osvaldo Viberti decide di subentrare alla conduzione dell’azienda agricola che i nonni Assunta e Tistin con molto sacrificio avevano creato lasciandola in eredità al figlio Gino.Una vecchia foto ritrae le tre generazioi intente alla pigiatura delle pregiate uve nella piccola cantina situata nella Borgata Serra dei Turchi. I consigli dell’enologo Sergio Molino avvalorano la filosofia di Osvaldo fondata sulla convinzione che per creare vini di alta qualità siano necessari tanti ingredienti: il clima, la composizione del terreno, la posizione geografica del vigneto, lo scrupoloso lavoro teso alla perfetta maturazione dei frutti, la cura costante delle viti, l’attenta selezione dei grappoli migliori, le lavorazioni meticolose in cantina e infine ma non certo per ultima la grande passione.
  • Quickview

    Silvano Bolmida

    , ,
    Silvano Bolmida nasce alla Bussia di Monforte d’Alba da una famiglia di viticoltori. Nel 1999, con la mia moglie trasforma il garage dei trattori in cantina e così parte l’avventura nel mondo del vino. Personale e personalità sono aggettivi che diventano sinonimi del loro modo di intendere la viticoltura e la vinificazione. I vigneti coprono una superfice di 7 ettari, coltivati in regime di agricoltura sostenibile certificata, inerbiti perennemente e difesi dagli attacchi fungini con prodotti di origine vegetale. In cantina effettuano lunghe macerazioni post-fermentative e altrettanto lunghe maturazioni dei vini all’interno di legni rigenerati in presenza delle fecce fini . Non cercano forzature come le stabilizzazioni a freddo o le filtrazioni per mantenere il carattere della terra e dei vigneti di Langa.