FRANCIA

  • André Delorme

    , ,
    Maison André Delorme è uno specialista nella produzione di grandi vini della Côte Chalonnaise e dei Crémants de Bourgogne. Attraverso I terroirs di Rully, Givry, Mercurey, Bouzeron e Montagny copre più di 20 denominazioni che seleziona, vinifica e invecchia nelle sue botti a Rully. Oramai celebri in tutto il mondo i suoi Cremant de Bourgogne in tutte le sue forme, vini di grande finezza e convivialità. >>Download scheda tecnica<<  
  • Champagne Lacroix

    , ,
    I fratelli Thèodore e Marie Claire incarnano la nuova generazione di Vignerons Indipendents. L’Aube la zona bistrattata della Champagne trova nelle bollicine di Lacroix-Triaulaire tutto il piacere di bere naturale. Azienda che lavora solo con i principi “bio” e senza compromessi. Tanta sapidità in tutte le selezioni, la terra si rispecchia nei bicchieri con estrema piacevolezza. Pinot nero e Pinot Meunier i protagonisti della casa. Vini dritti ma suadenti. Le versioni monovitigno sono molto interessanti: l’extra-brut tutto pinot nero è il frutto di 5 vendemmie diverse assemblate solo nelle migliori parcelle di riserva, il Pinot Meunier invece ricchissimo di fiori e miele. Maison giovane ma dall’appeal decisamente futuristico.
  • Champagne Perseval-Farge

    , ,
    L’identità della famiglia Perseval-Farge si esprime attraverso un principio forte: sostenere una lunga tradizione creata nel corso delle generazioni, che accompagni l’esclusività e l’eccellenza della produzione di Champagne per pochi. Lo Champagne nasce in vigna, ed è con la massima attenzione che durante tutto l’anno i vigneti vengono curati per dare il meglio di sé, tanto da ricevere la Certificazione ad “Alto valore ambientale” (HVE3) che identifica chiaramente l’opera dell’azienda, impegnata in un approccio particolarmente rispettoso dell’ambiente, e con una qualità delle uve prodotte da un mosaico frammentato di 6 differenti località certificate. L’affinamento avviene in legno, con un 40% di riserve e un invecchiamento minimo di 4 anni. Ciò crea uno Champagne unico nel suo genere, seduttore dei più bei momenti di condivisione. >> Scarica schede tecniche dei prodotti <<
  • Chateau de Saint-Aubin

    , ,
    Un tempo proprietà della contessa di Trébon, discendente di uno dei moschettieri di re Luigi XIV, il castello offre ai suoi ospiti più di 300 anni di storia in Borgogna. Questo edificio e la Maison Prosper Maufoux sono ora di proprietà della famiglia Piffaut, custodi di una tradizione vitivinicola familiare bicentenaria in Borgogna. Situata a sud di Beaune, nel cuore della rotta dei Grands Crus, la tenuta vinicola Maison Prosper Maufoux, che si estende intorno al castello di Saint-Aubin, è una tappa unica sulla famosa Côte des Blancs. I suoi 9 ettari di vigneto, in gran parte impiantati a Chardonnay, sono gestiti in una viticoltura sostenibile e responsabile. Il Clos du Château, classificato nella denominazione Saint-Aubin Premier Cru, e le parcelle adiacenti del Domaine, riuniscono terroir eccellenti dall’origine di vini eccezionali.
  • Domaine Bovier et Fils

    , ,
    Nella piccola tenuta di 7 ettari la famiglia Bovier produce solamente 3 vini. I terreni ricchissimi di calcare e fossili e vigne fra i 20 ed i 28 anni donano forza e finezza alle couvèe in acciaio con continui battonage. Il Grand Cru è l’unico vino sul quale vengono utilizzati legni pregiati ma per un affinamento breve in modo da non sopraffare il frutto dello chardonnay.
  • Domaine du Chateau d’Eau

    , ,
    Località: Servian Bottiglie: 32.000 Tipo Viticoltura: Biologica Certificata
  • Domaine Marie André

    , ,
    Nel cuore della Côte de Beaune, nel villaggio di Meursault, l’azienda raccolta in 4 ettari produce un limitatissimo numero di bottiglie, tutte a base Chardonnay. Come vuole la Borgogna tutti i vini sono affinati in barrique nuove ed usate con grande maestria. I vigneti molto vecchi fanno il resto per donare alle uve carattere e tipicità.
  • Domaine Patrice Moreux

    , ,
    Domaine Patrice Moreux si sviluppa tra Pouilly sur Loire e Sancerre su 4,5 ettari che si trovano nei più grandi cru della denominazione. Tutte le lavorazioni dei Sauvignon avvengono nel modo più naturale possibile, le stesse fermentazioni partono spontaneamente grazie ai propri lieviti. L’intera azienda opera in regime biodinamico confluendo le uve che daranno vita a vini estremamente territoriali e di grande personalità. >> Scarica schede tecniche dei prodotti <<  
  • Domaine Viticole de la Ville de Colmar

    , ,
    Fondato nel 1895 dal famoso ampelografo Chrètien Oberlin, gode di una posizione privilegiata nel cuore del vigneto alsaziano. Il Domaine Viticole de la Ville de Colmar gestisce più di 28 ettari di proprietà attraverso il suo omonimo vigneto di 14 ettari, Clos Saint-Jacques, situato vicino alle cantine e il prestigioso vigneto Hospices Civils Louis Pasteur de Colmar. Il dominio si estende anche sui migliori pendii dei paesi circostanti dove crescono Grand Cru tra i più famosi:
    • Pfersigberg
    • Hengst
    • Florimont
  • Henri Gaillard

    , ,
    Henri Gaillard Cotes du Provence è un vino rosato di eccezionale valore. Ha un bel colore rosa pallido, al naso escono frutti di fragola e lampone con un tocco di frutti esotici. Secco in bocca, è la classica Rosa Provenza: buona fruttuosità, acidità pulita ed equilibrata.
  • Hospices de Beaune

    , ,
    La più celebre asta benefica vinicola del mondo, che si svolge ogni anno il 3° weekend di novembre, agli Hospices di Beaune, si accompagna a tre giorni di festeggiamenti nella più pura tradizione borgognona nella città d’Arte celebre per il suo Hôtel Dieu dalle tegole smaltate. Millesimati rari, denominazioni di tutta la Borgogna è la celebre asta dei Vini degli Hospices di Beaune, accompagnata da degustazioni prestigiose e tematiche.